Emergenza Ucraina

I cittadini ucraini in fuga dalla guerra che arrivano in Italia devono seguire un diverso percorso di accoglienza a seconda se abbiano già una sistemazione oppure se non la hanno. In sintesi questa è la Procedura sintetica per la prima accoglienza:

  1. SE HA GIA' UNA SISTEMAZIONE:
  • Contatta la Questura (VEDI NUMERI UTILI);
  • Contattare il numero verde 800-556060  per la procedura sanitaria e ha l'obbligo di portare FFP2 nei 5 giorni successivi all’ingresso;
  • Compilare il Modello di Ospitalità Temporanea da portare all'ufficio protocollo del Comune con allegati i documenti d’identità degli ospitati e dell’ospitante oltre ad un recapito telefonico e mail;
  1. SE NON HA GIA’ UNA SISTEMAZIONE:
  • In questo caso devono recarsi ai Punti di Accoglienza per l’emergenza Ucraina e se si trova in luogo diverso deve contattare la Prefettura (VEDI NUMERI UTILI). Con tampone negativo verranno indirizzati ai CAS ed ai SAI. Con tampone positivo verranno inviati agli alberghi sanitari.

DOCUMENTAZIONE

Modulo comunicazione ospitalità

Benvenuto in lingua italiana

ЛАСКАВО ПРОСИМО ДО ІТАЛІЇ (Benvenuto in lingua ucraina)

NUMERI UTILI

Prefettura

Questura

______________________________________

  • DONAZIONI

La Regione Toscana ha aperto una raccolta fondi per l’assistenza alle persone colpite dalla guerra in Ucraina.
Chiunque può effettuare una donazione attraverso l’IBAN IT57 U 05034 11701 000000003021 intestato a Regione Toscana causale Emergenza Ucraina

  • PROGETTO "UN AIUTO PER L'UCRAINA" (*)

Raccolta generi e beni di prima necessità

In questo momento i conferimenti devono essere circoscritti ai soli generi alimentari a lunga conservazione (non in contenitori di vetro) e ai farmaci.

Punti di raccolta:

  • Centro raccolta Via dell'Unità Venturina Terme

martedì, giovedì e sabato dalle 9:00 alle 12:30 e dalle 15:00 alle 18:00

  • Centro di raccolta Via Portelli Campiglia Marittima

dal lunedì al venerdì dalle 8:00 alle 12:00 e dalle 14:00 alle 18:00

(*) Progetto promosso dal Comune di Campiglia Marittima in collaborazione con la Consulta del Sociale e l'associazione La Rondine per l'invio a destinazione